Eventi

Tutto quello che vuoi conoscere su eventi, concerti...

Read more...

DJ's World

Sei un DJ o vuoi diventarlo? Qui potrai trovare una vasta gamma di articoli...

Read more...

CD - DVD - Bluray

Potrai scegliere tra una vastissima gamma di prodotti....

Read more...

HI-TECH & HI-FI

Tutto per gli appassionati di Hi-Tech e Hi-Fi...

Read more...

HomeNewsPINK FLOYD: EARLY YEARS

PINK FLOYD: EARLY YEARS

Pink Floyd, ecco cosa c'è in "The early years", il mega box 

È stato presentato alla stampa italiana il contenuto del cofanetto dei Pink Floyd “The Early Years 1965-1972” che arriverà nei negozi a partire da venerdì 11 novembre 2016.

La presentazione, organizzata dalla Warner di Milano, ha permesso ai rappresentanti della stampa nazionale di poter visionare in anteprima il ricco contenuto del box,

 

che offrirà ai fan della leggendaria band britannica. ben ventotto dischetti (uno dei quali è stato aggiunto a sorpresa a poche ore dalla pubblicazione ufficiale) divisi tra cd audio, dvd e blu-ray.

Molto attese anche le 'repliche' in vinile dei primi cinque storici 45 giri realizzati tra il 1967 e il 1968, che riprendono fedelmente la grafica delle label e delle copertine del periodo in cui furono pubblicate. Una vera e propria strenna natalizia per il popolo floydiano, che sarà letteralmente sommerso da diverse ore di materiale audio e video, oltre ad una serie di riproduzioni di biglietti, flyer, poster e memorabilia varia, a testimonianza dell'attività promozionale dei primi sette anni della band inglese.

La ricchezza del contenuto musicale ed il valore artistico delle tracce raccolte per la prima volta in questo cofanetto risulta fondamentale per comprendere meglio la nascita e l'evoluzione della band. Questo materiale, affiancato alla discografia ufficiale dei Pink Floyd del periodo 1965-1972, fotografa fedelmente l'evolversi del loro suono, partendo dagli esordi capitanati dal menestrello Syd Barrett fino alla svolta sonora di “Meddle” (1971) e di “Obscured By Clouds” (1972), preludio per gli splendori sonori del loro capolavoro “The Dark Side Of The Moon”. Il packaging del box è semplice ma fortemente efficace.

Tutto il materiale è contenuto in una scatola nera e bianca, dalle dimensioni di circa 40x30x20 centimetri, che riprende il tema grafico del famoso furgoncino Bedford con cui i Tea Set, una delle prime incarnazioni dei futuri Pink Floyd, trasportavano nel 1964 gli strumenti e la propria amplificazione in occasione dei loro primi spettacoli amatoriali. Sembra che l'intenzione originaria della band fosse quella di realizzare una riproduzione del furgone, all'interno del quale avrebbero trovato posto i dischetti, idea abbandonata probabilmente per problemi di costi. All'interno della scatola è presente un secondo contenitore, dove sono alloggiati sette porta cd a libretto, ognuno dei quali comprende quattro dischetti e un libretto con foto e notizie sulle canzoni in esso contenute.

In una speciale tasca del libretto sono stati inoltre inserite le riproduzioni di memorabilia relativa al periodo preso in considerazione, alcuni dei quali sono molto rari e poco diffusi tra i collezionisti. La base del cofanetto nasconde infine altre “meraviglie” collezionistiche, poster e riproduzioni cartacee e i cinque vinili a 45 giri, materiale che sarà disponibile soltanto all'interno di questa edizione deluxe. La lavorazione intorno a “The Early Years 1965-1972” ha visto impegnato negli ultimi anni Nick Mason, batterista dei Pink Floyd ma anche storico e archivista della band. Sono state così recuperate tutte le canzoni d'archivio ancora inedite, alcune preziose demo sconosciute, diverse importanti registrazioni live per un totale di sette ore di materiale inedito.

Sono però i video il piatto forte di questo straordinario viaggio tra gli archivi segreti dei Pink Floyd. Nonostante diversi filmati fossero già noti ai più, grazie alla conversione digitale degli archivi delle tv di tutto il mondo (le avevano riproposte in passato attraverso le proprie pagine web), il lavoro di pulizia delle immagini e del suono è stato fondamentale. Ha colpito la qualità dei video anticipati oggi dalla Warner in una esclusiva proiezione in formato blu-ray, come ad esempio quello di “Jugband Blues” (1967), restaurato di recente, il promo di “It Would Be So Nice” girato al Piper Club di Roma nel maggio 1968, il video promozionale di “Point Me At The Sky” (1968), il concerto a St. Tropez dell'8 agosto 1970 raccolto dalla tv francese e lo speciale tv realizzato dalla tv americana KQED a San Francisco il 28 aprile 1970.

Impossibile scegliere tra le tantissime le canzoni inedite: ci sono le sei canzoni realizzate come provini nel 1965 e pubblicate di recente su un ricercatissimo doppio 45 giri, le tanto attese “Vegetable Man”, “Scream Thy Last Scream”, “In The Beechwoods”, la lunga improvvisazione di gruppo “John Latham” destinata ad un cortometraggio del 1967, le due sorprese “Song 1” e “Song 2” registrate negli USA il 22 agosto 1968, la colonna sonora del film “The Committee” del 1968, alcune outtakes dei film “More” e delle canzoni proposte al regista Michelangelo Antonioni per la colonna sonora del clamoroso flop cinematografico “Zabriskie Point”, la versione in studio di “Atom Heart Mother” senza orchestra e l'interessante “Nothing 14”, una delle prime versioni in studio della classica “Echoes”.

Da non dimenticare tutte le registrazioni realizzate dai Pink Floyd per la radio inglese BBC tra il 1967 e il 1971, un concerto a Stoccolma con Syd Barrett del 1967 e le due esibizioni ad Amsterdam per la radio locale dell'estate 1969. Facile ipotizzare un nuovo successo per i Pink Floyd. L'interesse intorno a questo box è alto e la tiratura nel nostro paese è stata annunciata in tremila copie. Il costo del box è attorno e trai 450 e 500€, ma è prevista anche un'edizione in due CD, “The Early Years 1967-72 Cre/ation”, che condensa al meglio le canzoni più significative.

Ventisette le tracce audio disponibili ad un prezzo abbordabile (19,90 euro), una selezione ragionata che spazia le numerose inedite come le due registrazioni dal vivo effettuate per la BBC il 12 maggio 1969 ("Grantchester Meadows", "Cymbaline", "Green Is The Colour" e "Careful With That Axe Eugene"), alcune canzoni di prova per la colonna sonora di Zabriskie Point ("On The Highway", "Auto Scene Version 2", "The Riot Scene", "Looking At Map", "Take Off", "Embryo" registrata per la BBC il 16 luglio 1970 e la bellissima "Nothing Part 14" (futura "Echoes") del 1971.

FacebookTwitterRSS Feed
Vai all'inizio della pagina